CortonaNotizie

"Il territorio di Cortona è sicuro. I 5 contagiati hanno contratto il virus in un viaggio in nave, ma sono controllati"

Le parole del sindaco Luciano Meoni a proposito dei nuovi casi registrati nel comune cortonese, limitati a un gruppo familiare di stranieri da poco rientrato in Italia

Il sindaco di Cortona Luciano Meoni torna sui 5 contagi Covid familiari di stranieri registrati nel suo territorio comunale, precisando che "il territorio di Cortona è sicuro".

"I cinque casi positivi dei quali riferiscono alcune testate giornalistiche – continua Meoni - riguardano una famiglia rientrata a Cortona dall’Albania, i cui componenti avrebbero contratto il coronavirus durante il viaggio di ritorno in nave. Le autorità locali, appena avvertite della circolazione del Covid 19 a bordo della nave, hanno attivato tutti i protocolli sanitari previsti dalla legge, informando anche me come responsabile della salute pubblica della zona. Grazie all’ufficio igiene pubblica della Asl locale, come sempre attento e attivo, sono state, quindi, attivate le procedure richieste. Le cinque persone, tutte asintomatiche, sono state sottoposte al tampone che ha dato esito positivo. Come prescrivono le disposizioni sanitarie, si trovano, adesso, al proprio domicilio. Sono in buone condizioni. Le autorità sanitarie hanno, quindi, individuato i contatti da esse avuti in questo periodo e hanno sottoposto al tampone le persone da loro avvicinate di volta in volta. Ognuno di questi tamponi ha dato esito negativo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Meoni esprime forti perplessità anche nei confronti della decisione presa dal presidente della regione Toscana, Enrico Rossi, la cui ordinanza ha dato mandato ai sindaci di adottare ulteriori provvedimenti per trasferire i positivi negli alberghi sanitari. "A che cosa servirebbe l’albergo sanitario? Non ha senso che le persone rientrate nel territorio comunale con il Covid-19, da giorni, senza attenersi troppo alle regole, siano trasferite in una struttura. Gli eventuali contagi sarebbero già diffusi. Se esistono le responsabilità – conclude Meoni – esse non sono da attribuire al territorio, ma dipendono dai mancati controlli compiuti dalle autorità nazionali nei confronti di chi rientra in Italia dai paesi extra Unione europea, come in questo caso. Per quanto riguarda Cortona, ribadisco che la situazione resta monitorata e non ci sono motivi di preoccupazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

  • Muore in moto a 51 anni: dramma alle porte della provincia di Arezzo. Era in viaggio col figlio

  • Miss Toscana a 17 anni, il teatro Petrarca, gli affetti. Anna Safroncik: "Vi racconto la mia Arezzo"

  • Pioggia di bonus in arrivo: sconti sulle cene al ristorante, scarpe, vestiti e arredi

  • Elezioni regionali Toscana 2020: i risultati dei primi sondaggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento