CortonaNotizie

"Posticipare bollette e tasse comunali", la proposta della maggioranza

I partiti che sostengono la maggioranza a Cortona, annuncia una nota, "si faranno portatori della necessità di rivedere il bilancio di previsione 2020 del Comune di Cortona, alla luce degli effetti negativi del Covid-19"

"In situazioni di crisi serve decisione e grande impegno, ma anche una buona dose di lungimiranza per essere sempre un passo avanti alle possibili difficoltà e poter dare certezze a chi si trova oggi in ginocchio".

I partiti che sostengono la maggioranza - annuncia una nota - "si faranno portatori della necessità di rivedere il bilancio di previsione 2020 del Comune di Cortona, alla luce degli effetti negativi del Covid-19"

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Riteniamo importante che anche l’Amministrazione comunale si prepari, al pari di altri Comuni toscani, a fare la sua parte nel sostenere tutti quei settori che inevitabilmente saranno colpiti da questa emergenza, al di là delle misure adottate dal livello nazionale o regionale. In particolare chiediamo da subito di posticipare tutti i pagamenti di bollette e tributi comunali a carico dei contribuenti al 30 di luglio, per cercare di venire incontro alle difficoltà delle tante partite iva e dei dipendenti che già oggi subiscono un danno economico concreto. Nello specifico ci riferiamo a: mensa scolastica, trasporto scolastico, servizio idrico integrato, Tari, imposta pubblicità, Cosap. Per quanto riguarda l’IMU le scadenze sono fissate dallo Stato e quindi restiamo in attesa di direttive in tal senso, augurandoci che ci possa essere una analoga previsione. Come forze politiche di maggioranza siamo a fianco del sindaco e di tutta la sua Giunta per dare il nostro contributo di idee e progetti per “congelare” tutte quelle misure non urgenti indicate nel bilancio di previsione 2020 e pianificare una serie di azioni concordate con tutti i portatori di interesse del nostro territorio, per rispondere nel migliore dei modi alla crisi che ci ha colpito. Pensiamo soprattutto ai comparti del commercio, dell’artigianato, del turismo ma anche alle famiglie che possono registrare casi di licenziamento o forte riduzione delle entrate a causa dei mancati fatturati delle imprese. Serviranno sostegni di vario genere, un programma organico ed articolato che prenda in carico ogni esigenza della comunità, dalla eliminazione dei tributi comunali per l’anno 2020 per specifiche categorie, a misure di sostegno concreto alle famiglie in difficoltà, al potenziamento dei servizi comunali di welfare. Ci impegneremo da subito per la stesura di una piattaforma di proposte per rivisitare il DUP 2020 (Documento Unico di Programmazione).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • "Smettetela di potare gli olivi". Ghinelli duro: "Faremo i controlli". Oggi 3 multe per le "giratine"

  • La mamma in ospedale e la nonna vittima del Coronavirus: due fratellini restano soli in casa

  • Inseguimento in zona Tortaia: i carabinieri fermano un 20enne, aveva preso la moto per farsi un giro

  • "Se porti la mascherina ti guardano e ridono". Ilaria dall'Olanda racconta il Coronavirus: "Abbiamo avviato una raccolta fondi"

  • Coronavirus, Ghinelli: "Oggi era atteso il picco dei contagi, invece siamo a zero". Stop ai droni per i controlli

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento