CortonaNotizie

Rifondazione Comunista: "Verso il ballottaggio, il nostro voto a Bernardini"

"E’ la prima volta, dalla fine della guerra, che nelle elezioni comunali viene fatto ricorso al ballottaggio a fronte dell’affermazione a livello nazionale e locale di forze e partiti di destra"

"Il 9 giugno 2019, a Cortona saremo chiamati al voto di ballottaggio per l’elezione del sindaco. L’appello che rivolgiamo alle/ai compagne/i di Rifondazione Comunista, ai simpatizzanti, alla sinistra plurale e a quanti si riconoscono nei valori democratici fondativi della nostra Repubblica, è quello di recarsi alle urne per sostenere la candidatura di Andrea Bernardini". Così Rifondazione lancia il suo appello al voto in occasione del ballottaggio al comune di Cortona. 

"E’ la prima volta, dalla fine della guerra, che nelle elezioni comunali viene fatto ricorso al ballottaggio a fronte dell’affermazione a livello nazionale e locale di forze e partiti di destra con palesi aperture razziste e fasciste, ma anche per i limiti del PD di proporsi come forza innovatrice pure in discontinuità con le politiche di sinistra delle Amministrazioni di Cortona dal dopo guerra. 
Ciononostante lanciamo questo appello per il socialismo, per la sinistra, per l’istituzione locale in difesa dell’antifascismo cui la comunità cortonese è legata e della Costituzione. 
Lo facciamo alla luce del sole, lo facciamo per il senso di responsabilità che ci impone di opporci alle forze populiste ed a quelle di una destra apertamente antidemocratica. 
La decisione sofferta non preclude l’impegno di Rifondazione Comunista di mantenere una posizione di critica costruttiva rispetto ad una futura maggioranza di centrosinistra, in particolar modo su quei problemi ritenuti prioritari nell’interesse delle cittadine e dei cittadini cortonesi, come il lavoro, la casa, l’accoglienza, l’istruzione, cultura e turismo anche con una maggiore valorizzazione dei beni comuni, la difesa del territorio e del centro storico, i temi ambientali, l’attenzione a scelte urbanistiche che perseguano una crescita sostenibile del nostro territorio, con la dotazione di aree verdi e percorsi lenti,  la destinazione d’uso del vecchio ospedale, il rilancio dell’ostello, la riapertura di un centro di aggregazione giovanile e, in particolar modo, la difesa della salute delle persone, rimettendo in discussione le decisioni prese sullo svuotamento delle funzioni territoriali del plesso ospedaliero della Fratta. 
In questo contesto, nazionale e locale, la partecipazione dei comunisti e di quanti hanno a cuore i valori democratici e costituzionali e la cultura di Cortona è dovuta".

Potrebbe interessarti

  • Insetti in casa: scutigera, perchè conviene non ucciderla

  • Sigarette addio: trucchi e consigli per smettere di fumare

  • Le Vertighe: la storia del santuario e dell'immagine di Maria, patrona dell'autostrada

  • Prima di partire per un lungo viaggio...non dimenticare queste 8 cose

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Cade dalle scale e muore: tragedia in provincia di Arezzo

  • Rave party abusivo: irrompono carabinieri e polizia, 70 ragazzi denunciati. Cinque sono aretini

  • Ragazza di 25 anni si schianta contro il guard rail sul ponte della Meridiana

  • Schianto tra due auto, feriti due ventenni

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento