CortonaNotizie

Il Partito Comunista: "Ora basta campagna elettorale. Noi faremo opposizione fuori dal consiglio"

La nota della forza di sinistra all'alba della nuova legislatura

Nota del Partito Comunista di Cortona.

Si è conclusa, almeno ufficialmente, la campagna elettorale - si legge - e dobbiamo fare i conti con il nuovo scenario in cui ci ritroviamo. Sono stati giorni in cui abbiamo assistito ad uno scontro tra due fazioni che spesso, quasi sempre, hanno eliminato dalla loro agenda politica i contenuti per dedicarsi ad attacchi di natura personale. Quello che è legittimo pensare, è che questo modo di fare bipartisan sia dovuto al fatto che di differenziazioni politiche in realtà ce ne siano state ben poche tra i due schieramenti confrontatisi al ballottaggio e, per tenere in scena la commedia, dovevano spostare lo scontro sulle persone.

Duro scontro

"Ci auguriamo che, da subito, la nuova amministrazione abbassi i toni dello scontro - continua il Pc - per impegnarsi nella soluzione dei problemi reali. Ricordiamoci infatti, che le buche sulle strade o gli uffici pubblici ridotti in una maniera vergognosa, non sono argomenti di discussione ideologica, ma toccano la vita quotidiana di tutti i cittadini. La campagna elettorale è finita, un avversario si vince senza infierire a vittoria ottenuta. Ai cittadini ora servono risposte, non la storiella dei 73 anni di governo della sinistra interrotti! Una storiella che fa davvero tenerezza anche alla luce della banale constatazione che è ridicolo parlare della storia del PCI come fosse la stessa del PD. Nessuno ve lo dice (perché è una trama che fa parte del copione da recitare per gli attuali politici), quindi ve lo diciamo noi".

Stesso approccio dovrebbe valere per coloro che siedono nei banchi dell’opposizione. Non ci aspettiamo un percorso di analisi ed autocritica volto a capire i motivi di una sconfitta (sappiamo che non lo faranno), ma si deve capire che il ruolo a cui sono chiamati è importante quanto quello di chi governa. Ci pare invece di assistere alla reazione stizzita di bambini capricciosi a cui è stato tolto il giocattolino con cui per 5 anni hanno combinato dei letterali disastri.

Noi, come Partito Comunista, lavoreremo per fare opposizione da fuori il consiglio comunale con rispetto, ma con assoluta determinazione. Avvieremo il tesseramento al Partito come strumento indispensabile per l’agire politico e lo faremo nella convinzione che, ad oggi, riteniamo che non sia la sinistra ad aver perso, ma piuttosto una lobbie di persone che, specie nell’ultima legislatura, ha gestito il potere con arroganza, presunzione, inefficienza e distacco dal territorio. Tutti modi di fare tipici di chi vive nel proprio mondo, piuttosto che a contatto con le persone, dimenticandosi di essere chiamati a fare gli amministratori del Comune di Cortona, non i padroni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Schianto auto-moto tra Pieve al Toppo e San Zeno: grave 43enne. Strada temporaneamente chiusa

  • Guida 2020 de L'Espresso: due ristoranti della provincia di Arezzo con il "cappello". Tutti i top della Toscana

  • Scossa di terremoto nell'Aretino: 2,7 gradi della scala Richter

  • Incidente stradale lungo la Statale 73: tre persone ferite

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento