CortonaNotizie

Parco Archeologico Cortona, Basanieri: "Un investimento per il futuro"

“Opera strategica realizzata al massimo delle possibilità, rispettando le regole, ottimizzando le risorse, non cercando alibi su sicurezza, efficienza e funzionalità. Per affrontare le sfide del futuro Cortona deve lavorare sempre al meglio...

foto Centro Accoglienza Parco Archeologico maggo 2017 (2)

Opera strategica realizzata al massimo delle possibilità, rispettando le regole, ottimizzando le risorse, non cercando alibi su sicurezza, efficienza e funzionalità. Per affrontare le sfide del futuro Cortona deve lavorare sempre al meglio investendo su progetti in grado di reggere la concorrenza.”

Così il primo cittadino di Cortona, Francesca Basanieri, commenta il proseguo dei lavori per la realizzazione delle opere collegate al parco archeologico del Sodo.

"Un lavoro enorme che ha impegnato il Comune di Cortona, la Regione Toscana e la Soprintendenza - ha continuato Basanieri - E’ veramente assurdo che esponenti del Consiglio Comunale, che conoscono gli atti, che hanno avuto acceso a tutti i procedimenti e che conoscono perfettamente l’iter dei lavori e la loro importanza, oggi inneschino polemiche sterili e pretestuose sui costi di un’opera che ha cambiato il ruolo di Cortona nel panorama archeologico e culturale italiano e che rappresenta un vero elemento di crescita sia sotto il profilo economico che di sviluppo. Assieme ai nostri partner abbiamo deciso di realizzare un’opera che rispetti tutte le normative e che sia rispettosa dell’ambiente con controlli energetici emissioni minime, accessibile a tutti e in grado di essere la porta d’ingresso della città di Cortona. Nell’era della post-verità e fake news, delle quali questi movimenti sono maestri, è doveroso dare le corrette informazioni sui costi e sulle caratteristiche della nuova biglietteria del Parco Archeologico del Sodo.”

Le caratteristiche dell’opera

Per quanto concerne la struttura, siamo stati obbligati ad eseguire una platea di fondazione che include anche il marciapiede esterno al fine di evitare successivi cedimenti, la struttura portante è in acciaio zincato e verniciato con travi in legno lamellare con doppia mano di protezione; è stato realizzato un pavimento areato, isolato termicamente e impermeabilizzato per avere il massimo di risparmio energetico e per escludere problemi di umidità in una zona notoriamente soggetta ad innalzamenti del livello dell'acqua.

Per quanto riguarda le opere edili sono state realizzate pareti ad alta efficienza energetica con doppio isolante termico, rivestimento esterno in massello di larice a più misure con doppia mano di protettivo, isolante termico sotto il pavimento e rivestimenti in gres porcellanato.

Anche gli impianti elettrici sono di ultima generazione con illuminazione a led su binario (che può essere posizionato dove occorre in funzione dell'arredo), torrette a pavimento, impianto antintrusione con telecamere e videoregistratore digitale, impianto audio, impianto di rilevatore del movimento e del livello di illuminazione, gestione demotica delle luci, dell'audio, dell'allarme antintrusione, della climatizzazione, varie postazioni di lavoro per garantire massima funzionalità e flessibilità in tutta la biglietteria per proiettori, totem, video. Il centro è dotato di un impianto solare fotovoltaico in copertura per 6676 kwh e sono stati realizzati impianti di climatizzazione realizzati con 4 ventilconvettori a pavimento e 2 scaldasalviette in bagno, impianto di ricambio aria per garantire risparmio energetico e confort termo-igrometrico, sanitari sospesi in bagno e tutti i comfort per la massima accessibilità, porta automatizzata per l'ingresso, infissi in alluminio a taglio termico con vetrate basso emissive stratificate.

Come si evince, - prosegue ancora il sindaco di Cortona - l’investimento totale di circa 355mila euro rappresenta un vero investimento per il futuro ed è quello che un Parco Archeologico di alto livello come quello di Cortona necessita. Queste opere così importanti e strategiche per l’intero territorio devono essere realizzate al massimo delle possibilità, rispettando le regole, ottimizzando le risorse, ma non cercando alibi su sicurezza, efficienza e funzionalità. Credo che per affrontare le sfide del futuro Cortona debba lavorare sempre al meglio investendo su progetti in grado di reggere la concorrenza. Il Parco Archeologico del Sodo e tutti i siti ad esso collegati sono uno degli elementi centrali per il futuro di Cortona per le immense potenzialità che hanno di attrarre turismo ed investimenti. Credo che la nostra scelta di lavorare sulla qualità di questi progetti sia fondamentale, su questi temi sarebbe stato importante avere il supporto di tutti le forze politiche ma purtroppo così non è, ma non saranno certo la miopia e la faziosità di qualcuno a fermare la speranza ed il futuro di Cortona.”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Lieve scossa di terremoto ad Arezzo: epicentro nella zona di Olmo

  • Schianto auto-moto tra Pieve al Toppo e San Zeno: grave 43enne. Strada temporaneamente chiusa

  • Guida 2020 de L'Espresso: due ristoranti della provincia di Arezzo con il "cappello". Tutti i top della Toscana

  • Scossa di terremoto nell'Aretino: 2,7 gradi della scala Richter

  • Incidente stradale lungo la Statale 73: tre persone ferite

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento