CortonaNotizie

"Il Consiglio comunale dia la cittadinanza onoraria a Liliana Segre"

Il gruppo PD-Insieme per Cortona ha depositato un ordine del giorno firmato da tutti i suoi componenti per chiedere, come avvenuto in tante altre amministrazioni, che il consiglio si esprima sulla concessione

In vista del prossimo consiglio comunale, il gruppo consiliare PD-Insieme per Cortona ha depositato un ordine del giorno firmato da tutti i suoi componenti per chiedere, come avvenuto in tante altre amministrazioni, che il consiglio comunale di Cortona si esprima sulla concessione della cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre.

Tra gli ultimi testimoni in vita della Shoah in Italia - spiega la nota del Pd Insieme per Cortona - Liliana Segre è nata a Milano il 10 settembre 1930. A causa delle leggi razziali fasciste, all'età di 8 anni fu costretta ad abbandonare la scuola elementare. Il 30 gennaio 1944 fu deportata con il padre in Germania, partendo dal binario 21 della Stazione Centrale di Milano. Raggiunto il campo di concentramento di Birkenau-Auschwitz, fu internata nella sezione femminile. Non ha mai più rivisto il padre, morto ad Auschwitz il 27 aprile 1944. I suoi nonni paterni, arrestati presso Como il 18 maggio 1944, furono uccisi ad Auschwitz lo stesso giorno stesso del loro arrivo, il 30 giugno dello stesso anno.

Dei 776 bambini italiani deportati ad Auschwitz, solamente 25 tornarono dai campi di sterminio; tra loro, la Segre, che solo nel 1990, dopo 45 anni di silenzio, ha cominciato a parlare a studenti e cittadini per raccontare la propria terribile vicenda. Quando fu costruito il memoriale della Shoah nei pressi del binario 21 della Stazione Centrale di Milano, ha chiesto che ci fosse incisa la parola “INDIFFERENZA”: il dramma degli ebrei e di tante altre categorie perseguitate nell’Italia di allora era nato dall’indifferenza di molti italiani che preferirono non vedere.

Divenuta senatrice a vita, la Segre ha sostenuto la costituzione di una “Commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all'odio e alla violenza”, approvata il 30 ottobre 2019. A seguito di quella votazione, le minacce e le intimidazioni nei suoi confronti sono aumentati al punto tale che a partire dal 6 novembre 2019 il Prefetto di Milano, di concerto con il Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico, ha concesso alla Sen. Segre una scorta.

Cortona porta innumerevoli cicatrici legate alla storia delle deportazioni e dell’occupazione nazifascista che ne fu promotrice: più di 40 civili inermi sono stati assassinati nelle rappresaglie tedesche, mentre ci sono stati anche cortonesi deportati, tra cui Renato Mariotti, prigioniero a Mauthausen ed Ebensee.

Il Comune di Cortona ha dedicato alla memoria dell’Olocausto numerose iniziative, in particolare rivolte alle scuole, come la partecipazione al Treno della Memoria e l’incontro pubblico con il sopravvissuto Nedo Fiano (1999).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tenendo presenti queste premesse, la concessione della cittadinanza onoraria alla Sen. Segre rappresenterebbe un atto coerente con il nostro passato e significativo per il nostro futuro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gatto morde la proprietaria e poi muore, era infetto da particolare Lyssavirus. E' il secondo caso al mondo

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Gatto infetto da Lyssavirus, due ordinanze urgenti del sindaco. Sequestrati gli altri animali della famiglia

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • "Gatto morto, tecnici in arrivo da Padova per analizzare le colonie di pipistrelli". Ad Arezzo il primo passaggio a un felino

  • Tre aretini positivi al Covid: c'è anche un bimbo di 1 anno. Un decesso al San Donato

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento